sms Calaiò, 'amico mio, non rompete'

"Ehi pippein non rompete il cazzein mi raccomando amico mio", "Dillo anche a Claudien" (Claudio Terzi) e "Sopratutto col rapporto che avete con me". Sono questi i tre messaggi, corredati da emoticon con i cuoricini, inviati via whatsapp da Emanuele Calaiò al giocatore dello Spezia Filippo De Col su cui si basa l'accusa di tentato illecito sportivo per cui la Procura Federale ha deferito giocatore e per responsabilità oggettiva il Parma. Secondo l'accusa sarebbero la prova di un tentativo di combinare il match Spezia-Parma che si giocherà poche ore dopo l'invio di questi messaggi e che vide gli emiliani vittoriosi per 2-0 e promossi in serie A. L'inchiesta ha riguardato anche Fabio Ceravolo, autore di un altro messaggio finito nel mirino degli inquirenti, ma alla fine l'attaccante ex Benevento è stato escluso dal deferimento. Ora il Parma ha a disposizione dieci giorni di tempo per preparare la propria memoria difensiva, a metà luglio potrebbe arrivare la sentenza definitiva dopo i due gradi di giudizio.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. gazzetta di mantova
  2. gazzetta di mantova
  3. Ultimissime Mantova
  4. Ultimissime Mantova
  5. gazzetta di mantova

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Borgo Virgilio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...